23/04/2017

Gulli

Accedere a Linux: il Terminale

“Talk about” a metà tra tecnica e storia, una dimostrazione di come certe applicazioni attraversano le epoche evolutive dell’informatica, senza mutare granché, merito della solidità delle loro architetture. Daniele ci ha spiegato come accedere a Linux tramite la sua interfaccia Continua a leggere

21/04/2017

Lug Vicenza

Martedì 25 aprile 2017

Martedì 25 aprile 

CHIUSO

(anniversario liberazione Italia)

Ci vediamo martedì 2 maggio

20/04/2017

Underscore HackLab

Di trojan di stato - details


questo scritto è lungo, confuso e denso di appunti, link e domande, se avete il caffè sul fuoco, toglietelo. è stato un lavoro sudato, speriamo vi piaccia.

parliamo di captatori informatici, sicurezza offensiva e il tentativo di normare questi trojan di stato.

per iniziare

siccome ci piace toccare con mano gli oggetti dei nostri ragionamenti, ci siamo procurati uno di questi "captatori informatici" e ne abbiamo documentato il setup completo per chi volesse sporcarsi le mani con noi (grazie al lab61 per averci messo la pulce nell'orecchio).

successivamente abbiamo infettato volontariamente un dispositivo con il malware per vederne il funzionamento da vicino, quali funzionalità presenta e quali difetti.

in ultimo, dal momento che nel tentativo di normare questi pericolosi strumenti leggiamo della "necessità di forti garanzie per essere inattacabile sul piano della veridicità dei dati acquisiti", abbiamo provato a generare delle prove non valide per capire quanto sono affidabili questi malware (non contenti l'abbiamo fatto in due modi diversi).

la conclusione a cui siamo arrivati è che no, non esiste modo di garantire tecnicamente che le prove raccolte siano veritiere.

abbiamo anche fatto un'analisi tecnica della proposta di legge sottolineandone le criticità qui.

(legenda: le parti a sfondo bianco come questa sono per tutti i lettori, quelle a sfondo nero sono più tecniche e interessanti per qualcuno, noiose per qualcun altro, vi assicuriamo che saltarle non pregiudicherà la lettura).

installare galileo

un piccolo disclaimer: vi potete fare male, noi non abbiamo mai fatto uscire nessuna delle installazioni su internet liberamente, suggeriamo di fare lo stesso.
siamo partiti da questo link, un tutorial per il setup, modificando alcuni passaggi. in particolare abbiamo eliminato vari check della licenza per cui non è più necessario cambiare la data del sistema (molto scomodo su una macchina virtuale) ed è ora quindi possibile abilitare tutte le funzionalità.

il setup minimo necessita almeno di 4 macchine:

  • un master (windows 7, almeno 4Gb di ram)
  • un collector (windows 7, almeno 1Gb di ram)
  • un anonymizer (suggerito centos solo cli, anche solo 300mb di ram, io ho usato un container con alpine via runc)
  • un target (fate voi, una debian, un android, un mac)

se volete strafare, servirá anche una macchina che faccia da network tactical injector, cioè l'oggetto usato per infettare le vittime attraverso attacchi wifi.

le prime due voci le abbiamo installate in macchine virtuali su un portatile con 8Gb di ram usando virtualbox, ma se avete delle macchine da sacrificare è uguale.

per iniziare guardiamo uno schema di come funziona l'architettura:

schemarcs

ora decidiamo gli ip statici per ogni macchina:

master: 192.168.56.2
collector: 192.168.56.3
anonymizer: 192.168.56.4

master

  1. installo Windows 7 su una VM e imposto come ip dell'interfaccia 192.168.56.2
  2. installo rcs-setup-2015032102.exe
  3. installo rcs-exploits-2015032101.exe
  4. seleziono Master Node
  5. in CN metto 192.168.56.2: questo ip verra' usato anche come CN del certificato https, potevo anche usare un nome ma poi toccava editare /etc/hosts di windows
  6. metto la password con cui controllerò tutto: RCSMaster1
  7. metto la licenza e a questo punto parte l'installazione.
  8. quando vedo "Remove previous master node files" sostituisco questo file in C:\RCS\bin\
  9. siccome ad ogni avvio ricontrolla la licenza, finita l'installazione devo sostituire anche questo file in C:\RCS\DB\lib\
  10. ora installo anche Adobe Air e la console
  11. a questo punto riavvio la macchina o i servizi e apro la console
  12. inserisco la loro CA come trusted dentro l'albero delle root CA
    root1 root2 root3 root4
  13. inserisco le credenziali, vado dentro monitor e passo ad installare il collector

collector

  1. come sopra ma scelgo Collector invece di Master Node
  2. imposto l'ip come scelto in precedenza per il collector, quindi 192.168.56.3
  3. il common name del master richiesto sará quindi 192.168.56.2
  4. torno sul master

master #2

  1. dentro System della console dovrebbe a questo punto comparire un collector
  2. faccio un nuovo anonymizer a cui assegno come ip 192.168.56.4
  3. collego l'anonymizer al collettore

    anon anon anon

  4. creo il pacchetto per l'anonymizer premendo Download installer

anonymizer

  1. preparo una macchina per installare l'anonymizer (consigliano una centos)
  2. io ho usato un container (runc) a cui ho dato come ip 192.168.56.4
  3. prendo lo .zip creato sopra e installo l'anonymizer (bbproxy, lo mette dentro /opt)
  4. quando tutto funziona, in System della console vediamo questo:

a questo punto siamo pronti per studiare, ecco i manuali di riferimento:

  1. RCS_9.6_Admin_1.7_IT.pdf
  2. RCS_9.6-Analyst_1.9_IT.pdf
  3. RCS_9.6_SysAdmin_1.9_IT.pdf
  4. RCS_9.6_Technician_2.0_IT.pdf

usare un captatore informatico

dopo aver installato e letto i manuali d'uso di RCS, abbiamo voluto provare effettivamente cosa è in grado di fare questo captatore informatico.

abbiamo quindi volontariamente infettato una nostra macchina linux e testato il funzionamento del tutto.

per prima cosa apriamo un'indagine (Operations->New Operation) a cui aggiungiamo un indagato sul cui ipotetico computer d'ufficio vogliamo installare un agente:

newoperation newtarget newagent

l'agente

ora con una facile interfaccia punta e clicca possiamo selezionare le funzionalità del trojan da attivare

agentconfig

se invece vogliamo una configurazione particolare, come ad esempio limitare l'uso della batteria dell'agente possiamo utilizzare la modalità avanzata:

agentconfig2 agentconfigbattery agentconfigac agentconfig2

qui sopra un esempio di come è possibile attivare determinati moduli solamente quando il dispositivo è in carica. per completezza ecco l'elenco dei possibili eventi, delle possibili azioni e di tutti i moduli. se volete studiare tutte le funzionalità, rimandiamo alla documentazione ufficiale.
ovviamente non tutte le funzionalità sono compatibili con tutti i sistemi operativi, per avere una lista delle compatibilità vi rimandiamo anche in questo caso alla documentazione ufficiale e a quella non ufficiale.

quando la configurazione ci soddisfa, procediamo con la creazione del vero e proprio agente premendo in alto a sinistra su Build.
ora manca solo di scegliere come infettare la vittima:

build vector

i vettori

i vettori di infezione sono tanti, anche in questo caso la documentazione ufficiale ci viene in aiuto. la scelta del vettore da usare dipende in gran parte dalla vicinanza del dispositivo da infettare:

accesso fisico

avendo accesso fisico al dispositivo (ad esempio in aereoporto, durante un controllo o una perquisizione) è possibile installare il malware via:

  • Silent Installer: un programma da eseguire direttamente sul dispositivo della vittima
  • Offline Installation: avvio del dispositivo da una pennetta usb
  • U3 Installation: usa una chiave U3 per installare l'agente
  • Persistent Installation: installa l'agente in maniera permanente (resistente ad una formattazione di windows o un factory reset di android)

vicinanza spaziale

se è possibile avvicinare la vittima (facendo ad esempio un appostamento fuori dall'abitazione) è possibile introdursi nella sua rete wireless o emularla attraverso una serie di attacchi usando quello che viene chiamato il Tactical Network Injector.

negli altri casi

  • lo stesso strumento, chiamato in questo caso Network Injector, può venire utilizzato installandolo direttamente dal provider/ISP (tim, wind, vodafone, ecc) dove attraverso dei filtri è possibile specificare chi infettare.
  • inviando un'allegato (pdf, doc) via mail contenente uno zero-day.

noi purtroppo non abbiamo la possibilità di provare direttamente da un ISP l'installazione del Network Injector e avendo accesso fisico al dispositivo del fittizio indagato, ci infettiamo volontariamente con un Silent Installer per linux.

l'infezione

agentinfection

pubblichiamo l'agente venuto fuori dalla build per chi volesse sporcarsi le mani, SE NON SAPETE COSA STATE FACENDO, NON FATELO, SUL SERIO

NON SCARICARMI SE NON DEVI.zip

ovviamente non ci sarebbe bisogno di fare reverse engineering visto che abbiamo i sorgenti, ma siccome se non vediamo non crediamo, lo faremo ugualmente, non prima di vederlo in azione però. se avete linux e avete paura di essere infetti da un paio d'anni e non potete aspettare, date un'occhio dentro ~/.config/autostart/.*, /var/crash/.report* e /var/tmp/.report* ma non sperate di trovare qualcosa perchè nelle licenze italiane le funzionalità per infettare linux non sono state comprate.
ps. abbiamo ascoltato il traffico con wireshark ma sembra che non cerchi di andare altrove.

abbiamo le prove

attendiamo 5 minuti che l'agente raccolga i dati e ce li invii ed ecco i primi risultati in una comoda dashboard:

dashboard

vediamo ora una carrellata delle possibilità, possiamo navigare il file system della vittima

fs

possiamo inserire file, eseguirli e ovviamente scaricarli

updown files

possiamo inviare comandi e riceverne i risultati

commands

e poi ovviamente guardare tutte le prove, quindi screenshoot (con supporto OCR)

screenshoot screenshoot

un simpatico keylogger e tutti gli eventi del mouse

keylogger

le foto dalla webcam con la frequenza scelta

camera

la lista dei siti visitati

www

le password salvate da firefox e chrome

password

ovviamente con la possibilità di filtrare il materiale con filtri di tutto rispetto

filtri

ci fermiamo qui anche se ci sarebbero tanti altri moduli da provare, i messaggi, i contatti, i wallet bitcoin, l'infezione di un'android, il network tactical injector, gli exploits....

rompere un captatore informatico

ok, l'abbiamo installato e provato per poterlo analizzare meglio e farci la seguente domanda: ma quanto sono sicuri questi captatori informatici?
sono veramente dei generatori di prove affidabili e veritiere come si vorrebbe sostenere?

come raccolgono le prove? proviamo ad immaginare come potremmo fare noi, prendendo a titolo di esempio i contatti skype:
i contatti skype sono presenti nel computer dentro un file contentente una base dati.
questa base dati non è protetta in nessun modo, ed è direttamente accessibile da chiunque, sia da Skype che da un qualsiasi altro programma e ovviamente anche dai captatori informatici, che vanno a cercare dentro quella base dati la lista dei contatti e la nostra messaggistica.
dove si trova di preciso? la base dati di skype su linux si trova dentro ~/.Skype/<profiloutente>/main.db

proviamo allora a creare da noi questa base dati senza neanche avere skype installato sul computer e inserire dei contatti fittizi al suo interno. funzionerà?

falsi contatti

la base dati in questione è un sqlite, il cui schema è reperibile pubblicamente. creiamo quindi dentro la macchina della vittima una directory per ospitare il nostro finto profilo skype al cui interno inseriamo il nostro db sqlite compatibile con lo schema skype:

mkdir -p ~/.Skype/fakeprofile/
sqlite3 ~/.Skype/fakeprofile/main.db

# creo i db 'Accounts' e 'Contacts'
# https://github.com/suurjaak/Skyperious/blob/master/skyperious/skypedata.py#L128

# creo un account
INSERT INTO Accounts (skypename, fullname, is_permanent) VALUES ('account falso', 'account falso', 1);

# inserisco dei contatti a piacimento
INSERT INTO Contacts (skypename, displayname, birthday, is_permanent) VALUES("contatto falso", "contatto falso",0,1);
.quit

a questo punto attendiamo che il captatore raccolga le nuove prove e ....

fake_contact fake_contact2

per i siti visitati attraverso chrome/firefox e altri browser vale lo stesso discorso, perchè questi vengono salvati all'interno di una base dati simile a quella usata da skype.

anche per il microfono, la webcam, gli screenshoot del monitor e in generale per ogni tipo di dato acquisito, non solo è difficile se non impossibile dire con certezza se i dati carpiti all'insaputa dell'utente siano veritieri o meno, ma è anche relativamente semplice falsificare questi dati da parte di terzi (pensiamo ad un'applicazione su android ad esempio).

è possibile evitarlo? no.

rompere un captatore informatico #2

ma quanto sono sicuri questi captatori informatici? nel proseguire il nostro studio sull'argomento, vogliamo sottolineare una questione secondo noi importante. non divulgare le falle di sicurezza dei nostri dispositivi per avere la possibilità di poterli infettare mantiene inevitabilmente meno sicuri i dispositivi di tutti, compresi quelli di chi i captatori informatici li utilizza.

abbiamo visto come sia possibile falsificare le prove prima che vengano raccolte, cerchiamo ora di capire come funziona l'invio dei dati raccolti in RCS e vediamo se è possibile inviare delle prove create ad-hoc.

reverse engeenering

ed eccoci alla parte più interessante del nostro studio (nonchè la più divertente). la descrizione del reverse engeenering che segue è molto piu' lineare di come si è svolta nella realtà, abbiamo saltato le parti noiose e ripetitive (openssl l'abbiamo ricompilato almeno 6 volte) e cercato inoltre di rendere i ragionamenti sequenziali, quando nella realtà tante scelte sono state fatte intuitivamente. siamo inoltre convinti che si poteva ottenere lo stesso risultato in altri N modi e che quello da noi usato è sicuramente molto grezzo.

innanzitutto, ipotizziamo di avere solo il binario, il malware. dobbiamo capire cosa fa e come si comporta. creiamo quindi un ambiente di studio, un container che lo isoli in un posto sicuro dove non puo' fare danni e in cui è possibile studiarne il comportamento.

noi abbiamo usato runc usando come rootfs una debian dentro una directory montata con loggedfs per controllare tutti i suoi movimenti sul file system (file creati, letti, etc...).
vediamo subito che si installa dentro /var/crash/.report*/whoopsie-report e cerchiamo di capire di che file si tratta con un:

$ file whoopsie-report
whoopsie-report: ELF 64-bit LSB executable, x86-64, version 1 (GNU/Linux), statically linked, stripped`

è un piccolo file statico di 77kb, un po' troppo piccolo per essere veramente statico, lo avviamo con strace ./whoopsie-report e notiamo infatti che cerca di aprire parecchie librerie di sistema, tra cui:

  • /lib/x86_64-linux-gnu/libpthread.so.0
  • /lib/x86_64-linux-gnu/libc.so.6
  • /usr/lib/x86_64-linux-gnu/libcurl-gnutls.so.4
  • /usr/lib/x86_64-linux-gnu/libcrypto.so.1.0.0
  • /usr/lib/x86_64-linux-gnu/libX11.so.6

e qui gia' ci sarebbe spazio per divertirsi: libX11 viene sicuramente utilizzata per fare gli screenshot dello schermo, sarebbe possibile ricompilarla per fare in modo che per alcuni programmi dei metodi tornino cose inaspettate.

ad un certo punto notiamo che vengono creati dei files dentro /var/crash/.report*/.tmp*, sono presumibilmente le prove raccolte, anche perchè ciclicamente si moltiplicano.

all'interno solo dati binari, controlliamo se sono solamente compressi, ma non ci sembra, saranno cifrati? ma come? per una cosa del genere a noi verrebbe da utilizzare le librerie standard, quindi openssl, ma come possiamo esserne sicuri? in effetti il malware accede a libssl.
perdiamo un po' di tempo provando con gdb ma stufi di seguire tutti i thread, ci viene in mente di ricompilare libssl inserendo del debug che ci mostri come vengono cifrati i dati.

per ricompilare un pacchetto debian seguiamo questa guida, ci armiamo di pazienza e scarichiamo il tutto.
cercando come si cifra con openssl vediamo che ci sono parecchie chiamate differenti, quindi proviamo con ltrace (con strace si vedono le syscall, con ltrace le libcall) a vedere se possiamo capire quale chiamata viene usata:

 $ ltrace ./whoopsie-report
 Couldn't find .dynsym or .dynstr in "/proc/30234/exe"

questo e' parecchio strano ma smanettando un po' troviamo con strings la seguente stringa dentro il malware:

$ strings ./whoopsie-report
$Info: This file is packed with the UPX executable packer http://upx.sf.net $

leggiamo che upx è un packer che comprime binari, installiamo quindi upx-ucl e proviamo un upx-ucl -d whoopsie-report per fare il processo inverso e decomprimere il binario:

         File size         Ratio      Format      Name
    --------------------   ------   -----------   -----------
     261044 <-     77972   29.87%  linux/ElfAMD   whoopsie-report

ora abbiamo il binario "in chiaro" e riprovando con ltrace (qui siamo passati dentro una macchina virtuale con VirtualBox perchè dentro runc si bloccava per qualche motivo) otteniamo le chiamate usate dal malware, in particolare nel nostro interesse ricadono le seguenti:

  • dlsym(0x122f4c0, "EVP_get_cipherbyname")
  • dlsym(0x122f4c0, "BIO_set_cipher")

a questo punto cerchiamo quei metodi nei sorgenti di libssl e troviamo la prima chiamata in crypto/evp/names.c linea 112 a cui aggiungiamo questo debug che scrive il cifrario usato dentro un file

const EVP_CIPHER *EVP_get_cipherbyname(const char *name)
{
  const EVP_CIPHER *cp;

  // DEBUG: scrivo il cifrario utilizzato dentro un file
  FILE *f;
  f = fopen("/tmp/debug_ciphername", "w"); // <- qui trovo il cifrario
  fprintf(f, "%s", name);
  fclose(f);

  cp = (const EVP_CIPHER *)OBJ_NAME_get(name, OBJ_NAME_TYPE_CIPHER_METH);
  return (cp);
}

e la seconda chiamata in crypto/evp/bio_enc.c e anche qui aggiungiamo del debug:

void BIO_set_cipher(BIO *b, const EVP_CIPHER *c, const unsigned char *k,
               const unsigned char *i, int e)
{
  BIO_ENC_CTX *ctx;

  // DEBUG: scrivo i parametri del cifrario su file
  FILE *f;
  f = fopen("/tmp/debug_cipher", "a+");
  fprintf(f, "\n----\n");
  fprintf(f, "block_size: %d, key_len: %d, iv_len: %d\nkey: ", c->block_size, c->key_len, c->iv_len);
  for(int co=0; co<c->key_len; co++)
  {
    fprintf(f, "%02X",k[co]);
  }
  fprintf(f,"\n\niv: ");
  for(int co=0; co<c->iv_len; co++) {
    fprintf(f, "%02X", i[co]);
  }
  fprintf(f,"\n\n");
  fclose(f);
  ....

ricompiliamo le librerie, installiamo e rilanciamo il malware. dentro /tmp troviamo ora il cifrario usato dal malware e la chiave:

$ cat /tmp/debug_ciphername 
aes-128-cbc
$ cat /tmp/debug_cipher
----
block_size: 16, key_len: 16, iv_len: 16
key: 692CC9D0DC834E4663EF389470E445B4
iv: 00000000000000000000000000000000

(= a questo punto proviamo a decifrare i file salvati su disco dal malware, lo scopo è ovviamente tentare di scriverne noi uno ad-hoc, con la chiave a disposizione dovrebbe essere facile, invece perdiamo un sacco di tempo a capire come mai non riusciamo a decifrare la prima parte del file. pensavamo fosse legato al vettore di inizializzazione e invece nel file c'e' un header di qualche tipo, ovvero il blocco cifrato non comincia all'inizio (questo però ovviamente openssl non lo dice). il punto è che la lunghezza del testo cifrato ogni tanto non è un multiplo del BLOCK_SIZE del cifrario a blocchi usato, il che significa che c'è qualcosa che non dovrebbe esserci. abbiamo provato prima manualmente ad eliminare un po' di bytes prima di tentare il decrypt ed effettivamente ha funzionato:

#!/usr/bin/python
from Crypto.Cipher import AES
import sys

key = "692cc9d0dc834e4663ef389470e445b4"
IV =  "00000000000000000000000000000000"
encrypted = open(sys.argv[1]).read()
x = 16 - len(encrypted)%16 if len(encrypted)%16 else 0
x += 16*int(sys.argv[2])
encrypted = encrypted[x:]
aes = AES.new(key.decode('hex'), AES.MODE_CBC, IV.decode('hex'))
print aes.decrypt(encrypted)


$ chmod +x test.py
$ ./test.py .tmp-1491179387-220638-SJBo7P 10 > image.jpg

il file in questione (il .tmp-149..) è stato selezionato perchè dalle dimensioni poteva sembrare un'immagine, inoltre decifrandolo inizialmente c'erano stringhe che riconducevano al formato JPG (ma non trovavamo il magic byte DD F8!). quel 10 invece indica che prima dell'inizio dell'immagine all'interno del file salvato su disco, ci sono ben 160 bytes di header. il prossimo passo è cercare di scrivere noi l'immagine dentro uno dei file, quindi apriamo con gimp l'immagine estratta in precedenza (quindi con il vero screenshot) in modo da mantenerne le proprietà (colori, dimensioni, ecc.) e sostituirla dentro il file di cui sopra.

#!/usr/bin/python
from Crypto.Cipher import AES
import sys

key = "692cc9d0dc834e4663ef389470e445b4"
IV =  "00000000000000000000000000000000"
original_header = open(sys.argv[1]).read()[:168]
new_image = open('.tmp-1491179387-220638-SJBo7P','w')

# mantengo l'header come era prima senza indagare oltre
new_image.write(original_header)
fake_image = open(sys.argv[2]).read()

# padding
x = 16 - len(fake_image)%16 if len(fake_image)%16 else 0
fake_image += x*"\0"

# cifro l'immagine fake e la scrivo sul nuovo file
aes = AES.new(key.decode('hex'), AES.MODE_CBC, IV.decode('hex'))
new_image.write(aes.encrypt(fake_image))
new_image.close()

ora basta solo aspettare e....

fake_screenshot1 fake_screenshot2

Underscore _TO* Hacklab // underscore chiocciola autistici.org
Key fingerprint = 5DAC 477D 5441 B7A1 5ACB F680 BBEB 4DD3 9AC6 CCA9
gpg2 --recv-keys 0x9AC6CCA9
https://autistici.org/underscore

ILS: Italian Linux Society

DUCC-IT 2017

DUCC-IT

Sabato 6 e domenica 7 maggio si svolgerà a Vicenza l'edizione 2017 della "Debian/Ubuntu Community Conference", più nota come DUCC-IT, (quasi) annuale incontro tra attivisti freesoftware che negli anni si è allargata anche ad altri temi oltre le due ben note distribuzioni Linux che ne compongono il nome.

Il programma pubblicato vede, tra gli altri, un intervento del Presidente di Italian Linux Society, dedicato non solo a presentare ma anche e soprattuto a discutere insieme ai partecipanti spunti e considerazioni sulla community di promozione, divulgazione e sostegno al software libero attiva nel nostro Paese.

Tags: 

GULLP - Gruppo Utenti Linux Lonate Pozzolo

Getting a College Location Practice Test

Well-written press releases are of using the various search engines to drive traffic to your internet website, company oneself being an expert or build consciousness on your cause an effective way. Pressreleases are not incredibly ineffective since they’re regarded as a way to obtain information not advertising. Around the other-hand, pressreleases that are poorly prepared […]

The post Getting a College Location Practice Test appeared first on GULLP.

ConoscereLinux

Coding Gym Maggio 2017

Consueto appuntamento dedicato all’arte della programmazione ospitato dall’Associazione Conoscere Linux di Modena e moderato da Marco Arena. Lunedì 29 Maggio, alle 21.

19/04/2017

Underscore HackLab

Di trojan di stato

questo scritto è lungo, confuso e denso di appunti, link e domande, se avete il caffè sul fuoco, toglietelo. è stato un lavoro sudato, speriamo vi piaccia.

parliamo di captatori informatici, sicurezza offensiva e il tentativo di normare questi trojan di stato.

per iniziare

siccome ci piace toccare con mano gli oggetti dei nostri ragionamenti, ci siamo procurati uno di questi "captatori informatici" e ne abbiamo documentato il setup per chi volesse sporcarsi le mani con noi.

successivamente abbiamo volontariamente infettato un dispositivo con il malware per vederne il funzionamento da vicino, quali funzionalità presenta e quali difetti.

in ultimo, dal momento che nel tentativo di normare questi pericolosi strumenti leggiamo della "necessità di forti garanzie per essere inattacabile sul piano della veridicità dei dati acquisiti", abbiamo provato a generare delle prove non valide per capire quanto sono affidabili questi captatori.

la conclusione a cui siamo giunti è che non esiste modo di garantire tecnicamente che le prove raccolte siano veritiere.

abbiamo documentato tutto in questo dettagliato post, qui invece ci proponiamo di fare un'analisi alle proposte di normare questi captatori informatici.

mi sono entrati nel computer

la concreta minaccia dell'abuso di questo potente strumento ci muove a far luce su questa fumosa questione.

non siamo giuristi ma ci sembra che i captatori informatici siano già normati, il reato lo conosciamo bene noi acari, il 615-ter c.p. "accesso abusivo ad un sistema informatico" che presenta anche un comma specifico se il reato è commesso da un pubblico ufficiale. il fatto che questi strumenti siano, però, quotidianamente usati dalle forze di polizia come strumento di indagine e che nessuno stia storcendo il naso per questo, è la dimostrazione di come la legge sia un'ottimo strumento repressivo ma non funzioni un granchè come strumento di giustizia sociale. quale procura potrebbe indagare sui suoi stessi strumenti di indagine?

quello che ci proponiamo di fare per il futuro è cercare di evitare che i nostri (e i vostri) dispositivi ci spiino. vogliamo inoltre diffondere delle buone pratiche di sicurezza per evitare di farsi infettare da questi e altri trojan: avremo sicuramente bisogno di aiuto perchè sappiamo che non sarà affatto semplice.

regolamentare carri armati: ddl captatori

come si giustifica l'uso di un carro armato? basta parlare di terrorismo, di pedofilia? è sufficiente parlare male di un parlamentare? o magari opporsi alla costruzione di una grande opera? non ci sentiamo per niente tutelati dal decreto di legge presentato dai civici e innovatori (ddl quintarelli) dalla quale emergono moltissime criticità; ci siamo soffermati sulla "disciplinare tecnico operativa"

la tesi di fondo del documento è quella di fare un paragone tra le funzionalità del captatore e le corrispondenti azioni di polizia giudiziaria già attualmente normate, per esempio paragonando pedinamento reale e intercettazione dati di posizionamento, o sequestro reale con acquisizione file da dispositivo.

l'equiparazione tra le modalità classiche e quelle implementate dal captatore ci sembra assurdo da ogni punto di vista e per qualunque tipologia di azione giudiziaria considerata:

  • paragonare un sequestro all'acquisizione remota di file sul dispositivo è ridicolo. durante un sequestro c'è la presenza dell'indagato che può verificare quello che accade, può richiedere la presenza di un legale e gli viene rilasciata una lista del materiale sequestrato. non riusciamo ad immaginarci come questo sia possibile tramite un sequestro da remoto tramite captatore.

  • il sequestro reale è teso a togliere la disponibilità di un oggetto, una pistola ad esempio. il captatore non toglie la disponibilità dell'oggetto del sequestro, perchè non è quello il suo scopo.

  • paragonare il tracciamento gps ad un pedinamento è ridicolo. avere i dati digitalizzati e facilmente analizzabili da algoritmi invasivi non è paragonabile ad un pedinamento, la qualità del dato è proprio di un altro livello.

  • ma soprattutto c'è una questione quantitativa e di costi: fare un pedinamento dalle scrivanie della questura verso 1000 persone non ha lo stesso costo che farlo per davvero, è evidente che se fino a ieri pedinare gli indagati richiedeva un certo dispiegamento di forze e denaro, con l'utilizzo di un captatore il tutto si riduce a premere qualche tasto su un'interfaccia punta e clicca. la conseguenza di questo è abbastanza ovvia. immaginare l'equivalenza delle due situazioni è ridicolo.

  • si parte poi dal presupposto che un dispositivo sia di un indagato, mentre non è sempre vero. prendiamo come esempio tutti i dispositivi "pubblici", gli internet point, le biblioteche, le università. leggendo le mail da un internet point usato da un indagato prima di noi (e quindi su un computer infetto) le stesse finirebbero in questura. comprando un dispositivo usato, le nostre mail finirebbero in questura.

  • c'è inoltre un problema temporale. all'avvio di un'intercettazione telefonica classica, gli sms intercettati partono appunto da un giorno e l'intercettazione ha poi un limite di tempo per ovvi motivi. il trojan invece può leggere i dati senza limiti temporali, inviando tutte le conversazioni avvenute sul tuo dispositivo dall'inizio dei tempi (perchè sono tutte salvate lì).

  • durante un pedinamento c'è la garanzia (a meno di assumere un sosia?) che la posizione sia quella effettiva dell'indagato. il dispositivo invece potrebbe non viaggiare con l'indagato, potrebbe essere stato rubato o potrebbe essere stato lasciato sul sedile di un taxi. insomma il dispositivo dell'indagato non è l'indagato.

  • credere, come si legge nel documento, che l'installazione di un captatore non abbassi il livello di sicurezza dei dispositivi su cui è installato è ridicolo, l'idea del captatore si basa proprio sul fatto di lasciare aperte delle falle di sicurezza e quindi di mantenere appositamente insicuri i dispositivi di tutti, per avere la possibilità di poterli infettare.

  • certificare la non modificabilità delle prove acquisite ci sembra impossibile da ottenere e l'abbiamo provato in due modi diversi. inoltre come è possibile certificare che il produttore non sia stato compromesso? come è possibile certificare che nella imponente architettura non ci sia una backdoor? no, non è possibile farlo.

  • e ancora, ci sembra paradossale che lo stato utilizzi armi digitali acquistate su un mercato opaco e poco trasparente come quello degli zero day.

compiti a casa

durante gli esperimenti abbiamo notato che gli input di questi oggetti vengono considerati trusted (cioè non modificabili dall'utente), cosa ovviamente non vera. cosa succede se un contatto skype si chiama AAAA' DROP ALL TABLES--? e se è lungo 10mila caratteri? e se al posto di un'immagine mettiamo qualcosa di altro e il captatore si rompe? (si, si rompe male). come la legge vedrebbe un comportamento simile? legittima difesa? occultamento di prove?

cosa vogliamo

per noi questi oggetti non sono normabili. per noi c'è un pericolo insito nell'azione segreta di una parte dell'apparato dello stato sul cittadino e questo pericolo sovrasta ogni altro pericolo.
punto.

vogliamo sapere non solo le statistiche di esportazione di questi strumenti (come richiesto di recente dal centro hermes al ministero dello sviluppo economico), ma soprattutto come e quanto vengono utilizzate in italia oggi queste tecnologie di sorveglianza, che si chiamino imsi catcher o trojan di stato. se qualcuno vuole comunicarcelo, ci scriva una mail.

Underscore _TO* Hacklab // underscore chiocciola autistici.org
Key fingerprint = 5DAC 477D 5441 B7A1 5ACB F680 BBEB 4DD3 9AC6 CCA9
gpg2 --recv-keys 0x9AC6CCA9

AVi Lug

3 Maggio: serata divulgativa su iDempiere, gestionale opensource

iDempiere è un gestionale/ERP opensource. E’ un complesso mix di tecnologie e strumenti di ultima generazione (Eclipse, Java, Osgi, Jetty, Hazelcast, Postgres, Mercurial, …) e ha il suo maggiore valore nella modularità e nella scalabilità del sistema stesso. Dopo una introduzione generale (processi e maschere) andremo ad approfondire diversi dettagli del prodotto per vedere come gestire i diversi componenti di iDempiere. Obiettivo del talk è quello di visionare la struttura sottostante per comprendere il potenziale di utilizzo del programma.

A condurre la serata sarà Marco Longo, Presidente di iDempiere Italia e socio di PNLUG. Marco si occupa di gestionali / ERP da diversi anni. Consulente informatico per piacere e per lavoro fa’ dell’opensource la propria attività primaria.

Orario: 21.00 – 22.30, presso l’Aula Informatica del Comune di Schio, Barchesse di Palazzo Fogazzaro, via Pasini 46 a Schio (VI).

Ingresso gratuito per tutti, previa prenotazione.

HackLab CatanZaro

Corso di sopravvivenza informatica 2017

locandina corso sopravvivenza informatica 2017L'HackLab CatanZaro incrementa il contatore degli impegni primaverili con il "Corso di sopravvivenza informatica".

Il corso è rivolto a tutti, in particolare agli adulti che non hanno dimestichezza col computer (non sanno né accendere né spegnere un PC).

 

Le finalità del corso sono quelle di impartire agli allievi i principi teorici ed operativi, affinché con tranquillità possano gestire un computer e in autonomia navigare (ON_LINE) per sfruttare tutte le potenzialità che offre il vasto mondo del Web.

 

Il corso si svolgerà presso il "Centro Polivalente per i Giovani" in Via Fontana Vecchia, dove ciascun partecipante può portare il proprio PC (consigliato se si vuole ripetere a casa) o utilizzarne uno messo a disposizione dagli insegnanti. Non vi sono prerequisiti per partecipare e gli argomenti trattati sono indipendenti per cui puoi iniziare a seguire quando vuoi!

La prima leziona sarà tenuta Martedì 2 Maggio 2017 ore 17.00 al "Centro Polivalente per i Giovani" in Via Fontana Vecchia - Catanzaro.

Per avere le date e l'orario preciso delle lezioni è possibile far affidamento al nostro Calendario ufficiale.

Il corso è gratuito per i nuovi tesserati HackLab

Il tesseramento è annuale ed ha un costo di: studenti 10€, disoccupati-pensionati 15€, ordinario 30€.

 

Con la quota associativa si ha diritto a:

  • accedere al laboratorio durante gli orari stabiliti o concordati;

  • seguire i nostri seminari e cineforum;

  • disporre gratuitamente delle attrezzature presenti nel laboratorio: saldatore, Raspberry PI, Arduino, PC, pezzi derivanti dal riciclo, ...

  • SCONTO DEL 25% tra i corsi organizzati: Linux Base; Linux Avanzato; Arduino; Stampante 3D; Grafica; ...

Chiunque volesse iscriversi o ricevere informazioni potrà inviare una richiesta esplicita all'indirizzo corsi  hacklab  cz oppure chiamare il numero 

Portale: 

Corso GNU/Linux di Base - Maggio 2017

locandina corso gnu/linux base maggio 2017L'HackLab CatanZaro incrementa il contatore degli impegni primaverili con la riproposizione del classico Corso GNU/Linux di Base, giunto alla settima edizione.

La prima delle sei lezioni sarà tenuta Venerdì 5 Maggio 2017 ore 18.30 allo *Lab, nostra sede/laboratorio situata in Viale Isonzo n°318, S. Maria, Catanzaro.

Per avere le date e l'orario preciso delle lezioni è possibile far affidamento al nostro Calendario ufficiale.

 

Il corso è gratuito per i nuovi tesserati HackLab

Il tesseramento è annuale ed ha un costo di: studenti 10€, disoccupati-pensionati 15€, lavoratori 30€.

 

Con la quota associativa si ha diritto a:

  • accedere al laboratorio durante gli orari stabiliti o concordati;

  • seguire i nostri seminari e cineforum;

  • disporre gratuitamente delle attrezzature presenti nel laboratorio: saldatore, Raspberry PI, Arduino, PC, pezzi derivanti dal riciclo, ...

  • SCONTO DEL 25% tra i corsi organizzati: Linux Base; Linux Avanzato; Arduino; Stampante 3D; Grafica; ...

Chiunque volesse iscriversi o ricevere informazioni potrà inviare una richiesta esplicita all'indirizzo corsi  hacklab  cz oppure chiamare il numero .

Il programma didattico del corso è consultabile al link Corso GNU/Linux Base.

Portale: 

18/04/2017

PescaraLug

CORSI INFORMATICA 2017

Torna anche quest’anno il consueto appuntamento con i corsi di informatica tenuti dal PescaraLUG. Si svolgeranno nella sala congressi della CGIL, che ringraziamo, in via Benedetto Croce 108, Pescara. Riproporremo la fortunata formula dello scorso anno, grazie alla quale si susseguiranno 7 lezioni, sempre di sabato pomeriggio alle ore 15:30, durante le quali verranno sviscerati […]

GULLP - Gruppo Utenti Linux Lonate Pozzolo

WHAT IS DIABETIC RASH

Be prepared goji cream kaufen to get the acceptable essay writing service. Get your own custom documents written by our experts unlike anyone else. Building a lifestyle of consumer treatment essays. The ideal service for writing brilliant and cheap custom documents. Similarly, you’re see first-class writers that are expensive, and incredibly great writers which are […]

The post WHAT IS DIABETIC RASH appeared first on GULLP.

Odd New Mexico Dulce Bottom

If you really want help with an article, there are only two issues you are competent to do to begin. When you’re searching for the reliable and skilled article aid, Composition – Business. Essay help service provided by SameDayEssays is directed writing service at your own academic achievement. In case you can’t pay attention to […]

The post Odd New Mexico Dulce Bottom appeared first on GULLP.

How-To Produce Technology Article Introduction

The very most useful part about writing an informative article might be the wide range of issues you are able to decide from. This kind of essay is usually used to ascertain ways to really cope with a few additional examination and writing actions. Generally, the most acceptable selection of composition matter performs a vital […]

The post How-To Produce Technology Article Introduction appeared first on GULLP.

Advantages and Disadvantages of Facebook

If you become caught when composing your article, it’s usually because you’re not apparent what your important notions are yet. They purchase essay on line help. Compare essay opening aid There are a number of different ways to realize an excellent mark on your own lengthy article which can be significant that you simply locate […]

The post Advantages and Disadvantages of Facebook appeared first on GULLP.

GNU/Lug Perugia

Linux Night aprile '17

19/04/2017 19:30
19/04/2017 19:30

Eccoci anche questo mese a rinnovare l'appuntamento con il GNU/Linux User Group Perugia e la Linux Night, evento serale perugino aperto a tutti per discutere di Linux e del software libero, risolvere problemi, grandi o piccoli che siano, installare GNU/Linux sulle vostre macchine insieme agli esperti geek del LUG Perugia davanti ad una buona birra.

leggi tutto

GULLP - Gruppo Utenti Linux Lonate Pozzolo

A job Interview Q& What Are Your Goals for the Future

I’m heading to become a history teacher. I really miss teaching, therefore I decided to execute a small online training with complimentary online writing classes. These essays aren’t limited to a particular nation or area. Each teacher is buying essay at best price somewhat different inside her necessities. Authorship a school scholarship essay might be […]

The post A job Interview Q& What Are Your Goals for the Future appeared first on GULLP.

17/04/2017

GULLP - Gruppo Utenti Linux Lonate Pozzolo

Making Cash being a College Student

They supply a long listing of solutions and among these is composition writing. It appears that acquiring superior quality composition writing doesn’t require to be really tough with so many essay solutions prepared to provide you what you want. Composing custom documents is really an actual miracle. Composing a college application essay isn’t straightforward, under […]

The post Making Cash being a College Student appeared first on GULLP.

Just how to Describe An Investigation Report

Every review article is related to your website that rightoverthere gives writing works solutions. This is among summarygenerator.top the best rated composition publishing service which provides most producing support. The aim of the business enterprise alone makes that one of the maximum article services. Just the best PER best writers, just the very best excellent! […]

The post Just how to Describe An Investigation Report appeared first on GULLP.

Faculty Research Topics

Let’s take a view of the critical points which need to be held in thoughts whilst creating a dissertation declaration, in addition to a couple samples of thesis statements. Re emphasize your principal arguments and thesis assertion. Don’t forget to follow the particular sequence of reason within the body of your own essay as stated […]

The post Faculty Research Topics appeared first on GULLP.

GOLEM

Serata Networking 3.0

Martedì 18 Aprile, in Officina Informatica, si terrà il terzo incontro in tema Rete @ GOLEM. Si parlerà di: novità nella rete d’officina: il ponte radio e il serveròzzo; VPN: connessioni LAN virtuali; Apache Transparent Proxy Partecipate numerosi!